Come scegliere lo schedulatore per la produzione? Abbiamo scritto un breve articolo introduttivo sui principali aspetti da non sottovalutare.

 

#1 Visualizzazioni grafica del piano di lavoro:

Il primo punto da prendere in considerazione è sicuramente la visualizzazione grafica. Una grafica di facile comprensione deve mostrare diagrammi o istogrammi.

Nel caso dei diagrammi di Gantt, questi devono mostrare risorse, ordini o commesse.

Gli istogrammi, invece, permettono di analizzare il carico risorse a capacita infinita e finita per l’orizzonte temporale richiesto. Questo tipo di visualizzazione permette di distinguere gli ordini operativi dagli ordini simulati.

Istogramma schedulazione produzione

Foto di Deedster da Pixabay

#2 Gestione dei vincoli:

Un secondo aspetto da non sottovalutare è la gestione dei vincoli.

Dunque, un buon schedulatore deve mostrare:

  • la disponibilitĂ  delle risorse quali macchine, operatori e attrezzature a capacitĂ  finita (con l’ausilio dei propri calendari per turno);
  • la reale disponibilitĂ  dei materiali per la data richiesta;
  • l’ottimizzazione delle matrici di set-up;
  • possibilitĂ  di poter parametrizzare altri vincoli in aggiunta.

 

#3 Analisi what-if o analisi predittiva:

Terzo aspetto è la capacità della gestione di più scenari simulati. Un buon schedulatore deve fornire le analisi delle variazioni per:

  • anticipare le criticitĂ ,
  • accorciare i tempi di intervento,
  • verificare l’impatto con l’ingresso di nuovi ordini,
  • identificare le migliori soluzioni per poi poter decidere quale piano di produzione rilasciare.
Analisi predittiva schedulatore produzione

Foto di rawpixel da Pixabay

#4 Elevata velocitĂ  di elaborazione dei dati:

La velocità di elaborazione è un fattore determinante. Anche le PMI si trovano spesso a gestire una mole di dati elevata:

  • codici articolo,
  • distinte base complesse,
  • numeri elevati di ordini cliente, ordini di acquisto e produzione.

La rapiditĂ  di elaborazione è decisiva nell’affrontare le criticitĂ . Avere il risultato di un’analisi predittiva in poco tempo significa poter effettuare tutte le modifiche necessarie nell’immediato.

 

#5 FacilitĂ  di integrazione con sistemi ERP e MES:

La facilitĂ  di integrazione con i sistemi informativi e dispositivi di campo è un aspetto da non sottovalutare. L’integrazione con le macchine giĂ  esistenti in azienda è diventata rapidamente una prioritĂ . Quindi, è essenziale che il passaggio delle informazioni sia semplificato da questa integrazione.

 

#6 Web-based

Infine, come ultimo punto, un buon schedulatore deve essere “basato sul web”. Quindi, uno schedulatore in cui tutte le funzioni sono accessibili tramite web-browser. Questo significa che non è necessario effettuare l’installazione sui computer dell’azienda.

 

iscriviti alla nostra newsletter