Definizione KPI:

I KPI (Key Performance Indicators) sono delle variabili che le aziende usano per misurare, tracciare e analizzare le performance produttive. Questi dati sono solitamente utilizzati per valutare i successi di un’azienda in base agli obiettivi prefissati.

Misurare le performance è, in ogni area aziendale, fondamentale per poter attuare dei processi di miglioramento. In un’azienda manifatturiera risulta quindi molto importante riuscire a identificare i KPI strategici per valutare l’andamento della produzione dal punto di vista dell’efficienza, del livello di servizio e della qualità dei processi.

Diventa importantissimo quindi avere un software che sia in grado di raccogliere dati industriali e che fornisca in tempo reale i dati e i report richiesti. Riuscire ad avere tutti questi dati nel più breve tempo possibile consente una reazione veloce ed immediata agli imprevisti permettendo di risolvere eventuali derive dei processi e quindi di raggiungere più facilmente gli obiettivi e diminuire le perdite operative ed i costi.

Ecco i 3 KPI aziendali indispensabili:

Indice OEE

L’OEE, letteralmente “efficienza generale dell’impianto”, è un indicatore percentuale che rappresenta il rendimento globale di una risorsa produttiva o di un insieme di risorse, siano esse umane o tecniche, durante il tempo nel quale queste sono disponibili a produrre.

WIP/scarti

Il WIP (Work In Process) indica il numero di pezzi (o di lotti) che sono in corso di lavorazione (sospesi per diversi motivi). E’ utilizzato per valutare le prestazioni del sistema: a parità di lotti prodotti, si preferisce la soluzione che corrisponde al più basso livello di WIP; l’azienda in questo modo può ridurre i costi dovuti all’immobilizzazione delle giacenze di materie prime e di semilavorati. Gli scarti di produzione possono essere determinati da diversi fattori, ad esempio materiali errati, tolleranze non corrette, etc. E’ fondamentale monitorare gli scarti per analizzare i costi e capirne la provenienza.

Lead time e Ritardi

Il Lead time (o “tempo di attraversamento”) è l’intervallo di tempo necessario per soddisfare la richiesta di un cliente. Quanto più questo tempo è basso tanto più l’azienda è veloce e flessibile. Questo KPI insieme al monitoraggio dei ritardi permette, se forniti di un sistema di pianificazione della produzione, di valutare eventuali ritardi e ripianificare la produzione degli ordini.

Come calcolare i KPI?

Essendo i KPI dati strategici per le decisioni aziendali è fondamentale ricavarli con la massima precisione, puntualità e soprattutto in tempo reale. Il miglior modo per farlo è implementare in azienda un software MES (Manufacturing Execution System) in grado di acquisire automaticamente i dati dalle diverse aree aziendali, di confrontarli e di rielaborarli per fornire cruscotti di analisi e monitoraggio KPI. DMP Intelligent Manufacturing integra al suo interno tutte queste funzionalità.